LA REGIONE EMILIA ROMAGNA APPROVA LA NUOVA LEGGE SULLO SPORT

Nella seduta di ieri dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia Romagna, abbiamo varato l’ennesima Legge regionale che testimonia la volontà di innnovare profondamente i nostri territori. Di seguito riporto il Comunicato Stampa congiunto che abbiamo stilato in qualità di consiglieri regionali della Provincia di Modena. Oltre a ciò mi permetto di sottolineare una volta di più come l’idea di fondo di questa Legge, che mira a diffondere e promuovere la pratica sportiva “sorvegliata e certificata”, insieme al provvedimento sui vaccini, rappresentano due importanti capisaldi per la Legge sulla prevenzione che tra breve inizierà il suo iter presso l’Assemblea legislativa. La nostra Regione: sempre all’avanguardia

*******

Sport, consiglieri regionali Pd: Al via la nuova legge regionale
Nota congiunta dei consiglieri regionali Pd: “Nuova centralità della pratica sportiva”
370mila iscritti a federazioni sportive, 870mila iscritti a enti di promozione sportiva e circa 3 milioni di praticanti: sono questi i numeri dello sport in Emilia-Romagna. E da oggi proprio allo sport, è dedicata una nuova disciplina regionale approvata in Assemblea legislativa con i voti favorevoli di Pd, Si, Mdp, Fi e Fdi-An, e l’astensione di Ln e M5s. La nuova legge regionale riunisce le precedenti norme dedicate alla promozione dell’attività sportiva e all’impiantistica, introducendo alcune innovazioni.
“Il messaggio è chiaro: lo sport è al centro delle politiche di questa Regione come non lo era mai stato prima. Significativo è anche il dato di 20 milioni di euro di investimenti programmati nel 2017 ricorrendo ai Fondi europei per lo Sviluppo e la Coesione” sottolineano i consiglieri regionali Pd modenesi Giuseppe Boschini, Enrico Campedelli, Luca Sabattini e Luciana Serri. “In questi anni, infatti, sono state significative le risorse messe a disposizione di impianti e iniziative che, a vario livello, promuovono l’attività sportiva. Stiamo parlando di un sistema che favorisce la salute e il benessere psico-fisico di bambini e adulti, di una rete che deve molto al mondo del volontariato e degli appassionati, ma anche al lavoro quotidiano di professionisti e atleti – proseguono i consiglieri – La legge punta al coinvolgimento delle scuole, favorisce l’accessibilità agli impianti e alla pratica sportiva per disabili e persone in condizione di fragilità; presto questa disciplina andrà ad integrarsi con la legge regionale sulla prevenzione, che a breve inizierà il suo iter, contribuendo a realizzare una società più attiva e sana”.
“La legge regionale approvata oggi sostiene con fondi ad hoc e nuovi strumenti la manutenzione dell’impiantistica pubblica. Previsto anche un alleggerimento burocratico per le organizzazioni sportive che intendono fare richiesta di contributo regionale per le loro attività, senza rinunciare a regole chiare e trasparenti per l’affidamento della gestione degli impianti. – richiamano i democratici modenesi – Non viene tralasciato il tema del doping e delle misure per contrastarlo. Un’attenzione specifica è inoltre dedicata agli eventi sportivi capaci di richiamare l’attenzione dei media e del grande pubblico realizzando esternalità positive per l’economia e il turismo locale”.
“Questa legge ha ricevuto l’apporto di amministratori locali e operatori del mondo dello sport e anche dal voto in aula si evince che è un testo frutto di collaborazione e di condivisione. Non poteva che essere così per un tema che veicola valori e principi universali e coinvolge così tanti cittadini emiliano-romagnoli” concludono Boschini, Campedelli, Sabattini e Serri.