PREVENZIONE AL CENTRO PER PENSARE AL NOSTRO FUTURO

L’educazione alla salute è un tema decisivo, soprattutto in un’epoca di crisi, quando è più difficile per i cittadini rivolgersi al medico, mangiare sano, fare sport.

La Regione già sostiene programmi di promozione della salute ma si deve riuscire a fare di più. Non basta costruire una bella campagna di comunicazione, occorre sostenere la prevenzione mettendo in condizione anche i cittadini in difficoltà economica di accedere a stili sani di vita sia dal punto di vista dell’alimentazione, sia da quello dello sport, sia ancora dal punto di vista dell’accesso alle cure.

Pensiamo ad esempio al grande tema delle malattie cardiovascolari e dell’invecchiamento attivo, fondamentale per una popolazione che sta invecchiando; o a quello delle cure odontoiatriche, costose ma importanti nelle fasce più deboli (bambini e anziani).

Per fare questo occorre una forte alleanza dei settori sociali e sanitari che comporti una sempre maggior razionalizzazione sul territorio regionale di questi due settori del welfare. Le risorse liberate da questa razionalizzazione devono essere utilizzate per sostenere le famiglie nella ricerca di stili di vita sani. Avere uno stile di vita sano significa prevenire in futuro malattie croniche e acute: è il modo milgiore per avere una popolazione che vive con piu’ benessere, e insieme risparmiare, riducendo malattie e prestazioni che possiamo prevenire.

Possiamo pensare ad una nuova Legge regionale specificamente dedicata alla prevenzione: fare politica sanitaria è anche e soprattutto guardare al futuro.

Commenta questo post su facebook